CONDIZIONI - PREVENZIONE DELLA CARIE

Cos’è la carie?

SUDDIVIDERE

Carie

Ne hai sentito parlare allo studio dentistico, e magari ne hai anche avuto una o due nel corso della tua vita. Ma sai davvero cosa è la carie?

Sviluppo della carie: placca e carie dentale

Una cavità dentale è lo spazio che rimane all’interno del dente quando la carie dei denti viene rimossa. La placca, una sottile pellicola di batteri incolore ad alta aderenza che si forma regolarmente sui denti, è la principale causa della carie. Il motivo per cui spazzoliamo i denti e usiamo il filo interdentale ogni giorno è proprio quello di rimuovere la placca, perché i batteri reagiscono con gli zuccheri contenuti negli alimenti che mangiamo per produrre acidi che attaccano e indeboliscono lo smalto, il rivestimento protettivo dei nostri denti. L’erosione dello smalto riduce le difese dei denti e permette più facilmente la formazione della carie.

Esistono tre posti diversi in cui un dente può essere attaccato dalla carie:

  1. Sulle superfici di masticazione dei denti. Questo succede quando la placca resta intrappolata nelle scanalature o nelle fessure dei denti. È molto comune nei bambini, perché spesso non prestano attenzione a queste zone quando spazzolano i denti.

  2. Tra i denti. Questo succede quando la placca viene lasciata libera di formarsi su superfici difficili da raggiungere. Non è possibile raggiungere queste zone soltanto con lo spazzolino e sono soggette a carie se non usi il filo interdentale o pulisci le zone interdentali di frequente. 

  3. Sulle radici esposte dei denti. Questo è normale se hai sofferto di un arretramento gengivale o della perdita dell’osso, spesso associati a disturbi gengivali o parodontiti. Inoltre, è assolutamente normale trovare delle carie dentali in questa zona quando si invecchia, se le gengive tendono ad arretrare. Se la placca è libera di formarsi nelle radici esposte dei denti, la carie si sviluppa velocemente, perché le radici non dispongono dello strato protettivo dello smalto.

Come faccio a prevenire una carie?

Fortunatamente, ci sono molte cose che puoi fare per prevenire la formazione della carie. Prova questa igiene orale quotidiana consigliata dal dentista:

  • Spazzola i denti due volte al giorno

  • Usa un dentifricio o un collutorio al fluoro, un agente che rafforza i denti e aiuta a prevenire la carie

  • Pulisci gli spazi interdentali con un filo interdentale per rimuovere la placca nelle zone in cui lo spazzolino non è in grado di arrivare

  • Segui una dieta sana ed evita i cibi e le bevande zuccherate

  • Programma delle visite periodiche dal dentista, a intervalli di circa sei mesi, per la pulizia e i controlli periodici

  • Ricorda di cambiare lo spazzolino quando appare consumato, oppure ogni tre mesi, perché le setole nuove dello spazzolino rimuovono più placca

Con che frequenza devo far controllare i denti per prevenire la carie?

Ti consigliamo di andare dal dentista due volte all’anno per un controllo. Sebbene esistano diversi tipi di controlli, il tuo dentista esaminerà denti e gengive alla ricerca di disturbi visibili, compresa la presenza di carie. Il tuo dentista potrà sottoporti ad una radiografia per accertare che non ci siano problemi nascosti. Il tuo dentista, inoltre, può pulire in maniera professionale i denti per rimuovere la placca indurita nella parte alta e bassa della linea gengivale, oltre a lucidarli per rimuovere la placca e le macchie dalla superficie dei denti. E non dimenticare: il tuo dentista può darti dei consigli da esperto sullo spazzolamento e sull’uso del filo interdentale.