FASI DELLA VITA - ADULTI

Ponte dentale - tipi e procedure

SUDDIVIDERE

Che cos'è un ponte dentale?

In caso di perdita di denti, il dentista potrebbe consigliare l'impiego di un ponte dentale. Quando si mette un ponte, i denti su entrambi i lati dello spazio sono coperti da corone (capsule) cui viene attaccato un dente artificiale (pontico).

Sono pochi gli eventi che hanno un impatto sulla salute dentale e sull'aspetto personale maggiore della perdita di un dente. Quando mancano uno o più denti, quelli che rimangono possono spostarsi, cosa che può portare al cambiamento del morso, alla perdita di altri denti, a carie e a malattie parodontali.

Tipologia di ponti dentali

I ponti dentali hanno molti vantaggi per le persone a cui mancano denti a causa di malattie dentarie, fratture o lesioni. Se mantieni una buona igiene orale e vai dal dentista regolarmente, un ponte dentale fisso può durare per circa 10 anni.

Un ponte dentale è costituito da corone dentali per i denti che ancorano entrambi i lati del ponte, e uno o più denti finti tra di esse. Ci sono tre tipologie principali di ponti:

  • Ponte tradizionale: Si tratta della tipologia più comune, e solitamente è realizzato in porcellana o ceramica fusa al metallo. 

  • Ponte Cantilever: Questo tipo di ponte viene usato per risolvere situazioni in cui ci sono denti solo su un lato dello spazio da colmare.

  • Ponte dentale incollato: Questo ponte è costituito da uno o più denti di porcellana in una struttura metallica dotata di alette per attaccarla ai denti esistenti.

A prescindere dalla sua tipologia, il successo di un ponte dentale dipende in parte dalla salute dei denti che lo circondano, e qui torna l'importanza di un'igiene orale regolare che prevede di spazzolare i denti due volte al giorno e l'uso quotidiano del filo interdentale. Usa uno spazzolino con setole morbide o uno scovolino per pulire in modo efficace attorno a un ponte, e scegli un filo interdentale progettato appositamente per questo impiego.

Procedura dei ponti dentali

Innanzitutto, il dentista prepara i denti su ogni lato dello spazio per ricevere le corone e prende l'impronta di tutta l'area. Poi, inserisce un ponte temporaneo o transitorio fatto di plastica o di metallo. In una visita successiva, il dentista rimuove il ponte temporaneo e posiziona, sistema e cementa il ponte fisso.