FASI DELLA VITA - BAMBINI

Dito In Bocca: Effetti Sui Denti, Prevenzione E Rimedi | Ora-B

SUDDIVIDERE

È comune che i bambini si succhino il pollice, il labbro o un dito come modo per tranquillizzarsi o come aiuto per addormentarsi.

I bambini quando smettono di succhiare il pollice?

La maggior parte dei bambini smette di succhiare il pollice tra i 2 e i 4 anni, ovvero quando iniziano a cadere i primi dentini da latte e iniziano a spuntare quelli permanenti. È comunque importante che il bambino perda l'abitudine di succhiare il dito prima che inizino a crescere i denti permanenti, in modo così da prevenire problemi di allineamento e di sviluppo della bocca.

Succhiare il pollice è davvero nocivo?

L'intensità con cui il bambino succhia il pollice può fare la differenza nel rischio di successivi problemi di salute dentale. Un bambino che succhia il pollice o il dito in maniera aggressiva ha maggiori probabilità di danneggiare i denti rispetto a un bambino che lo succhia passivamente.

Come smettere di succhiare il pollice

Succhiare il pollice, il dito o il labbro è un'abitudine che il bambino deve perdere. Non è sempre facile, ma ci si può riuscire. Prova questi suggerimenti:

  • Coglilo quando non succhia il pollice.  Fai caso a quando il bambino non sta succhiando il pollice e lodalo con entusiasmo, piuttosto che sgridarlo quando lo sta facendo.

  • Infondigli calma e serenità. Molti bambini succhiano il dito o il pollice quando si sentono ansiosi. Cerca di determinare quali cause specifiche scatenano l'ansia nel tuo bambino (e la conseguente abitudine), e cerca di affrontarle.

  • Chiedigli di darti una mano. Chiedi ai bambini più grandi di trovare dei modi per perdere l'abitudine. Per esempio, i bambini più grandi di solito succhiano solo un dito o il pollice durante la notte. Prova a mettergli una calza sulla mano o a fissargli due dita con un bendaggio sportivo.

  • Chiedi aiuto al dentista. Chiedi al dentista del tuo bambino di sostenerlo e incoraggiarlo a perdere l'abitudine di succhiare il pollice o il dito.