CONDIZIONI - PREVENZIONE DELLA CARIE

Ascesso dentale:cause, sintomi e trattamenti

SUDDIVIDERE

Da cosa sono provocati gli ascessi dentali?

Se hai un mal di denti che va oltre un dolore da lieve a moderato, e che invece diventa un dolore severo e pulsante, potrebbe trattarsi di un ascesso dentale. Un ascesso dentale è una lesione contenente pus nelle radici del dente ed è causato da un'infezione. Il primo campanello di allarme è un mal di denti pulsante che non va via.

Sintomi degli ascessi dentali

All'inizio, probabilmente il dente risulterà sensibile durante la masticazione e il morso, come anche al calore e al freddo. Potresti avere anche la febbre, i linfonodi mandibolari e del collo ingrossati o potresti notare del gonfiore in viso.

Se l'ascesso si rompe, te ne accorgerai sentendo in bocca un liquido dal sapore sgradevole. Sebbene in caso di rottura dell'ascesso il dolore potrebbe diminuire, dovrai comunque rivolgerti al dentista per eliminare l'infezione, salvare il dente ed evitare complicazioni. Se l'ascesso non si rompe, l'infezione potrebbe diffondersi ad altre parti del corpo. Di certo non è un quadro da sottovalutare.

Trattamento degli ascessi dentali

Il trattamento molto probabilmente comprenderà il drenaggio dell'ascesso qualora questo non si sia rotto. Il dentista potrebbe consigliarti anche degli antidolorifici da banco, gargarismi con acqua calda e sale, e antibiotici. Gli ascessi di maggiore entità potrebbero richiedere una canalizzazione per rimuovere il tessuto infetto; tuttavia, i casi più gravi richiedono l'estrazione del dente.

Come prevenire gli ascessi dentali

Un ascesso dentale può essere causato da una carie non trattata. Pertanto il miglior modo di prevenirlo è quello di evitare in primo luogo la carie con una costante e corretta igiene orale, ovvero spazzolando i denti due volte al giorno e utilizzando il filo interdentale quotidianamente. Anche le visite di controllo dal dentista sono importanti, soprattutto se hai appena curato un ascesso. In questo modo il dentista potrà confermare che l'infezione sia stata davvero eliminata.